Chernobyl

Chernobyl ha una ricca storia che risale all’epoca medievale (lle prime menzioni risalgono al 1193), e a partire dal XVI secolo ha conosciuto una forte influenza ebraica (troverete maggiori informazioni sulla storia ebraica nel nostro BLOG). Chernobyl fu duramente colpita dalla seconda guerra mondiale, e sotto l’Unione Sovietica divenne un centro di riparazione navale basato sul fiume Pripyat.
A causa della sua scarsa popolazione e del facile accesso all’acqua, il distretto di Chernobyl fu scelto dal Ministero dell’Energia dell’URSS per la costruzione di una centrale, a soli 20 chilometri a nord della città di Chernobyl. La costruzione della centrale nucleare di Chernobyl „V.I. Lenin“ iniziò nel 1970. Allo stesso tempo fu eretta nelle vicinanze Pripyat, una città satellite che porta lo stesso nome del fiume adiacente, e che dopo il lancio del primo reattore nel 1977 venne popolata da 14.000 abitanti. Grazie ai suoi collegamenti di trasporto – autobus, treni e anche barche – divenne un centro regionale con grandi prospettive. I piani dei sovietici riguardo alla centrale di Chernobyl erano ampi – doveva diventare la più grande centrale nucleare del mondo con 12 reattori, ognuno con 1000 MW di potenza energetica. C’erano 4 reattori in funzione e altri 2 erano già in costruzione; quando il suo destino cambiò per sempre.  

Image

Il disastro di Chernobyl – cos’è successo veramente?

L’incidente alla centrale nucleare di Chernobyl avvenne il 26 aprile 1986. Fu il più grande disastro nucleare nella storia dell’umanità. L’esplosione ebbe luogo nel quarto blocco della centrale di Chernobyl, situata a soli 120 km dalla capitale dell’Ucraina, Kiev, e vicino al confine con la Bielorussia.

La centrale di Chernobyl era all’epoca una delle più grandi del mondo. Era anche dedicata a un programma militare strategico per l’esercito sovietico. L’esplosione vera e propria avvenne per una malaugurata coincidenza di diversi fattori. Oltre al fatto che il reattore non aveva un sistema di sicurezza aggiornato, aveva anche un basso livello di automazione. Nella fatidica notte del 26 aprile era in corso un esperimento nel reattore n.4 della centrale nucleare di Chernobyl, che avrebbe dovuto testare la portata inerziale del gruppo turbogeneratore. L’abbassamento della potenza energetica fino quasi all’arresto della reazione nucleare a catena, seguito da un brusco aumento della potenza energetica da parte degli operatori, insieme all’arresto dell’acqua di raffreddamento al nucleo del reattore, provocò il surriscaldamento del combustibile e la distruzione del nucleo del reattore.

Image

All’1:24 ora locale, 40-60 secondi dopo l’inizio dell’esperimento, due enormi esplosioni ebbero luogo nell’unità n. 4 della centrale di Chernobyl. Secondo alcuni investigatori dell’incidente, avendo tolto tutte le barre di controllo dalla zona attiva del reattore, insieme alla crescente capacità di potenza del reattore, l’esplosione fu inevitabile. Fu registrato che i sistemi di sicurezza erano spenti o addirittura fuori servizio (a causa del test) al momento dell’esplosione iniziale e la combinazione di vapore radioattivo e idrogeno fece saltare il coperchio del reattore di 1.200 tonnellate e distrusse il tetto. Dopo pochi secondi avvenne una seconda esplosione, questa volta molto più forte. Secondo diversi studi indipendenti sul disastro di Chernobyl, mentre la prima esplosione era „normale“ chimica, la seconda esplosione con la combustione dei neutroni rapidi aveva caratteristiche di un’esplosione nucleare con una resa di 0,3 kilotoni (pari a circa 300 tonnellate di TNT). Secondo testimoni oculari della città di Pripyat, la prima esplosione fu seguita da una fiammata rossa e la seconda esplosione ebbe una fiammata azzurra, dopo la quale una nuvola a forma di fungo si levò sopra il reattore.

Image

Il disastro nucleare di Chernobyl fu il frutto di una coincidenza anche perché il reattore avrebbe dovuto essere sottoposto all’esperimento da un turno diverso, appositamente addestrato per condurre questo tipo di operazioni. Tuttavia, il test fu posticipato di nove ore a causa delle imminenti celebrazioni del Primo Maggio e dell’elettricità necessaria per realizzare il piano di produzione. Questo ritardo significò che l’esperimento dovette essere gestito da lavoratori di turni diversi da quelli che lo avevano preparato. Il turno di notte che conduceva l’esperimento era composto da un numero minore di operatori esperti. Subito dopo l’incidente gli altri reattori furono spenti e la gestione della centrale passò sotto il regime di crisi, che fu gestito da un bunker sotto la centrale di Chernobyl (potete visitare la sala di controllo nel bunker nel nostro tour della centrale nucleare di Chernobyl: potete anche aggiungerla al vostro tour 1 day Chernobyl, 2 day Chernobyl o Private Chernobyl tour).

Tra il personale della centrale di Chernobyl un ingegnere risultava disperso – Valery Khodemchuk, che doveva riferire i risultati dei test delle sale delle pompe di circolazione. Egli divenne la prima vittima ufficiale del disastro di Chernobyl, il cui corpo non fu mai trovato.  Cronologia del disastro di Chernobyl del 26 aprile 1986: 

  • 1:23 Due esplosioni nell’unità 4
  • 1:26 Allarme incendio alla centrale di Chernobyl
  • 1:28 Arrivo dei vigili del fuoco della centrale di Chernobyl
  • 1:35 Arrivo dei vigili del fuoco di Pripyat
  • 2:10 Spegnimento dell’incendio nella sala delle turbine
  • 5:00 L’unità 3 è stata spenta per motivi di sicurezza
  • 6:00 Arrivo della brigata chimica dell’esercito al sito di Chernobyl: misurazione reale delle radiazioni
  • 6:35 Tutti gli incendi spenti nel sito della centrale di Chernobyl. *Distrutto il nucleo del reattore che brucerà fino al 10 maggio 1986.

Sera – arrivo sul luogo dell’incidente alla centrale di Chernobyl della commissione guidata dallo scienziato Valery Legasov.

I vigili del fuoco di Chernobyl e l’esercito combattono il nemico invisibile

Dal quarto reattore distrutto e in fiamme della centrale di Chernobyl iniziò a spargersi polvere radioattiva che contaminò l’ambiente sia vicino che lontano. Il primo passo nello spegnimento dell’incidente nucleare di Chernobyl fu lo spegnimento della sala del reattore in fiamme e del tetto della sala macchine centrale. I primi ad arrivare sul luogo dell’incidente furono i vigili del fuoco speciali della centrale di Chernobyl. Presto vennero in aiuto i vigili del fuoco delle vicine città di Chernobyl, Pripyat e Ivankov, che insieme spensero l’incendio nelle successive tre ore dall’esplosione. Eppure, nel cuore del reattore numero 4 di Chernobyl, una miscela di masse contenenti combustibile nucleare stava ancora bruciando…

I pompieri che lavoravano all’incidente di Chernobyl non conoscevano la causa dell’incendio e quindi continuavano a versare acqua sulle rovine del reattore. Questo peggiorò la situazione e seguirono diverse piccole esplosioni, insieme a una grave contaminazione radioattiva.

Dopo lo spegnimento dell’incendio sul reattore n° 4 distrutto di Chernobyl

Subito dopo lo spegnimento dell’incendio, da parte dei pompieri, del quarto reattore distrutto della centrale di Chernobyl, la battaglia non era ancora finita. In realtà era appena iniziata, poiché il nucleo con tutti i materiali fusi era come un magma bollente. Gli scienziati sovietici avevano bisogno dell’esercito per evitare che la situazione peggiorasse ulteriormente. Per evitare che la radioattività si diffondesse ulteriormente nell’ambiente, nelle settimane successive il reattore di Chernobyl fu riempito con cinquemila tonnellate di boro, dolomite, sabbia, argilla e composti di piombo – lanciati da elicotteri che volavano sopra il quarto reattore della centrale di Chernobyl. Questi materiali sciolti riuscivano a spegnere la grafite in fiamme e assorbivano gli aerosol radioattivi. Due settimane dopo la fusione, i funzionari sovietici decisero di isolare l’intero blocco crollato della centrale in uno speciale sarcofago – un corpo di cemento con un proprio sistema di raffreddamento.

Liquidazione nei mesi successivi e chi erano i “liquidatori di Chernobyl“

L’incidente di Chernobyl innescò una catena di eventi mai sperimentata prima nella storia dell’umanità. La maggior parte del lavoro fu svolto dai riservisti dell’esercito rosso, che erano giovani uomini. Dopo l’evacuazione di un raggio di 30 chilometri intorno al quarto reattore della centrale di Chernobyl, le squadre di cacciatori cacciarono ogni animale – d’allevamento o selvatico – per fermare la diffusione della contaminazione, soprattutto della polvere di radiazioni (trovata sulla pelliccia, e in seguito tramite il foraggio anche nella loro carne e nelle ossa) dalla zona di Chernobyl. Furono allestite stazioni di pulizia per auto, cisterne e camion che si occupavano dell’incidente, ma nessuno dei veicoli che arrivarono nella zona nei mesi successivi all’incidente e svolsero lì il loro lavoro, riuscì mai ad uscire dalla zona. Tutti i mezzi furono rottamati dopo l’uso e alcuni di loro si trovano ancora sparsi nei cosiddetti “cimiteri di macchine” intorno alla zona. 

Il lavoro di liquidazione, che aveva come massima priorità quella di abbassare le radiazioni con la costruzione del confinamento di sicurezza (il sarcofago di Chernobyl) portò decine di migliaia di persone nella zona di Chernobyl – i liquidatori. La maggior parte di loro erano militari, poliziotti, autisti, specialisti della salute, costruttori e ingegneri. In totale più di 100 mila persone erano presenti ad un certo punto nella zona di Chernobyl, la maggior parte di loro stipati nella città di Chernobyl dove prima dell’incidente vivevano solo 14 mila persone. Anche molti professionisti che vivevano a Pripyat e lavoravano alla centrale nucleare di Chernobyl tornarono a lavorare,dato che per quelli che rimasero sul “campo di battaglia” di Chernobyl e aiutarono la centrale di Chernobyl a tornare in funzione furono assegnati bonus (fino a 100 mila dollari USA) o appartamenti.   

Image

La radioattività di Chernobyl si diffuse in tutto il mondo

L’esplosione di Chernobyl sollevò sostanze radioattive fino all’altezza di 1,5 chilometri nell’aria. A questa altezza, il vento da sud-est portò la nube radioattiva fino alla Scandinavia. La nube sorvolò la Scandinavia e poi tornò nuovamente verso l’URSS (Ucraina). Nel corso della giornata dell’incidente di Chernobyl, la direzione del vento cambiò verso ovest. La seconda nube tossica volò quindi attraverso la Polonia verso la Cecoslovacchia e poi verso l’Austria. Lì, rimbalzò dalle Alpi e volò di nuovo verso la Polonia. Per quanto ne sappiamo oggi, non c’è nessun posto al mondo dove le nuvole radioattive di Chernobyl non fossero presenti. Le nuvole tossiche, insomma, volarono in tutto il mondo.


I territori più colpiti dalla ricaduta radioattiva di Chernobyl furono due repubbliche sovietiche: l‘Ucraina e la Bielorussia, che decisero di evacuare per sempre parti dei loro territori a causa della contaminazione dell’ambiente. Nel processo di decontaminazione, un grande ruolo fu giocato dalle leggi fisiche della radioattività – il processo di stabilizzazione degli elementi instabili in elementi più stabili, come lo ioduro radioattivo 135 – leggi di più su come Chernobyl divenne sicuro per le persone nel nostro SAFETY. Questo elemento possiede una breve emivita di decadimento e relativamente presto dopo l’incidente si è decomposto naturalmente in sostanze innocue. Oggi, l’inquinamento radioattivo nella zona di Chernobyl consiste principalmente in sostanze come lo stronzio e il cesio – poiché questi hanno un’emivita di disintegrazione di 30 anni. Queste sostanze hanno continuato a inquinare il vicino ambiente di Chernobyl per decenni dopo l’incidente di Chernobyl. Gli isotopi del plutonio e dell’americio saranno presenti nel territorio della zona di Chernobyl probabilmente per le prossime migliaia di anni. Tuttavia, sono molto difficili da trovare al giorno d’oggi (sono affondati in profondità nel suolo), e quindi il loro effetto è trascurabile per il corpo umano. Leggi di più sulle radiazioni e su ciò che sono in realtà nel nostro BLOG.

Image

Le vittime dell’incidente di Chernobyl

L’indagine sul disastro di Chernobyl venne ufficialmente chiusa con la sentenza che decretava che il personale della centrale non aveva seguito le necessarie norme di sicurezza. Il direttore della centrale di Chernobyl V. P. Bryukhanov e l’ingegnere capo N. M. Fomin furono condannati a 10 anni di reclusione, il vice ingegnere capo A.S. Dyatlov a 5 anni, il capo sala del reattore A.P. Kovalenko e il capo turno della centrale di Chernobyl B. V. Rogozhkin a 3 anni e l’ispettore statale Y. A. Laushkin a 2 anni di prigione. Maggiori dettagli sul processo di si possono trovare nella nostra sezione blog.  Paradossalmente, l’intero processo di Chernobyl si tenne nella casa della cultura di Chernobyl, che in origine era una sinagoga (e si può visitare nel vostro tour di Chernobyl). Gli eventi alla centrale nucleare „V.I. Lenin“ di Chernobyl furono solo l’inizio di una vicenda che permise di riscrivere non solo le regole di sicurezza dell’energia nucleare, ma anche la storia dell’umanità. 

Image
Chernobyl in cifre

  • 10 000 0000 persone colpite in 3 paesi
  • 120 000 persone evacuate da 100 città e villaggi
  • 50 000+ chilometri quadrati di zona contaminata
  • 5000+ persone lavorano ancora nella zona di Chernobyl e nella centrale nucleare di Chernobyl
  • 100 babushkas di Chernobyl vivono ancora nella zona d’origine

I fatti storici mantengono diviso il numero di vittime dell’incidente di Chernobyl. Naturalmente, le vittime dirette furono soprattutto i lavoratori della centrale di Chernobyl e i pompieri, che ricevettero dosi mortali di radiazioni. Nei primi 3 giorni ci furono 299 pazienti ricoverati con forme evidenti di patologia da radiazioni (sindrome da radiazioni acute) e tutti vennero inviati in aereo da Kiev all’ospedale specializzato numero 6 di Mosca per il trattamento, accompagnati dal vice sindaco di Pripyat, Alexandr Esaulov, che potrete incontrare nel vostro tour con ChernobylX. Ufficialmente, risultano 28 vittime dirette dell’incidente di Chernobyl. La maggior parte delle vittime dirette sono sepolte nel cimitero di Mitino a Mosca. Ogni corpo delle vittime di Chernobyl è sigillato in una bara di cemento, a causa delle alte radiazioni che emana. 

I dati ufficiali annunciano che il disastro di Chernobyl ha influito sulla vita di circa 600.000 persone. I documenti ufficiali dividono le vittime delle radiazioni in diverse categorie. Per esempio, il gruppo più grande è composto da 200-240 mila liquidatori – soccorritori, soldati che avevano fatto il lavoro di decontaminazione, pompieri e agenti di polizia. Inoltre, c’è il gruppo di circa 116 mila abitanti delle zone contaminate vicino a Chernobyl. Altre 220 mila persone vennero evacuate più tardi dai territori contaminati di Bielorussia, Ucraina e Russia. Tuttavia, circa 5 milioni di persone continuano a vivere nelle zone contaminate. Complessivamente oltre 10 milioni di persone sono considerate essersi ammalate a causa della catastrofe di Chernobyl, di cui 3,2 milioni solo in Ucraina (il resto è riportato in Bielorussia e Russia).

Chernobyl significa “Assenzio”

La Città di Chernobyl (Chornobyl – in ucraino) e l’area che la circonda viene chiamata Polissya, che è una terra pianeggiante, con molti fiumi e paludi nella parte settentrionale dell’Ucraina, al confine con la Bielorussia. Il nome della città, una volta tradotto, fa riferimento a una pianta che si chiama assenzio, facilmente reperibile nel territorio vicino. Questa pianta è anche menzionata nella Bibbia e molti cristiani credono che il triste destino della zona con il disastro di Chernobyl sia stato in qualche modo previsto (per la profezia completa scaricate il nostro ebook gratuito „Miti e verità su Chernobyl”. L’assenzio è un’erba amara con ricchi effetti curativi e disintossicanti. È largamente usato per la produzione dell‘Assenzio.

 

Pripyat e l’incidente di Chernobyl

Pripyat in passato era una città modello del governo sovietico e fu eretta nel 1970 a soli 3 chilometri dalla centrale nucleare di Chernobyl per i lavoratori e le loro famiglie. Pripyat offriva tutti i lussi di una città moderna – una stazione ferroviaria, un porto, un ospedale e anche un luna park. Era considerato un sogno diventato realtà per un cittadino sovietico poter vivere in una città dove non c’era carenza di generi alimentari o di alcun prodotto, poiché la città era governata direttamente dal Ministero dell’Energia dell’URSS a Mosca. Attirava soprattutto giovani provenienti da tutta l’Unione Sovietica, e l’età media degli abitanti della città era di soli 25 anni. 

Aleksey Moskalenko, l’ex capo del dipartimento di polizia di Pripyat, che potrete incontrare durante il vostro tour di Chernobyl con ChernobylX, ricorda che la fine dell’ aprile 1986 era insolitamente calda e la maggior parte degli abitanti di Pripyat trascorreva la maggior parte delle giornate all’aperto con i propri figli. C’erano 4 matrimoni in corso a Pripyat sabato 26 aprile. Le voci in città già diffondevano il fatto che c’era stato qualche incidente nella vicina centrale di Chernobyl; le voci furono quelle di lavoratori e persone come A. Moskalenko, il quale fu uno dei testimoni oculari dell’esplosione del reattore numero 4 della centrale di Chernobyl mentre era di pattuglia. I funzionari statali non avevano avvertito i 50.000 abitanti di Pripyat della minaccia dell’inquinamento radioattivo, avevano solo rimandato i bambini a casa da scuola con la raccomandazione di restare a casa. Né avevano fornito loro pillole di iodio che avrebbero aiutato contro gli effetti delle radiazioni.

Image

Il vicesindaco di Pripyat, A. Esaulov ricorda che la fornitura di pillole di iodio non era sufficiente per gli abitanti e il consiglio comunale chiese un’ulteriore fornitura al governo. 

L’incidente alla centrale di Chernobyl fece sì che il livello di radiazioni superasse di mille volte i livelli naturali. L’evacuazione di Pripyat ebbe luogo il giorno dopo l’incidente – il pomeriggio del 27 aprile 1986 – quando ci furono abbastanza treni, barche e soprattutto autobus provenienti da tutta l’Unione Sovietica. Agli abitanti di Pripyat fu permesso di portare con sé solo gli oggetti necessari, dato che si aspettavano di tornare tre giorni dopo. Questa informazione fu rilasciata per evitare il panico e per evitare che la gente portasse con sé troppi bagagli. Più tardi, le autorità sovietiche decisero che la città di Pripyat doveva rimanere vuota per sempre.

In che modo fu chiesto esattamente agli abitanti di Pripyat di evacuare il 27 aprile 1986 alle 14:00?

All’attenzione degli abitanti di Pripyat! Il Consiglio Comunale vi informa che a causa dell’incidente alla Centrale di Chernobyl le condizioni radioattive nella città di Pripyat e nelle sue vicinanze si stanno deteriorando. Il partito comunista, i suoi funzionari e le forze armate stanno prendendo le misure necessarie per combattere questo fenomeno. Tuttavia, al fine di mantenere le persone il più possibile al sicuro e in salute, tra i quali bambini sono la priorità assoluta, è necessario evacuare temporaneamente i cittadini nelle città più vicine della regione di Kiev. 

Per questi motivi, a partire dal 27 aprile 1986, alle 14:00 ogni condominio potrà avere a disposizione un autobus, supervisionato dalla polizia e dai funzionari della città. È altamente consigliabile portare con sé i propri documenti, alcuni effetti personali essenziali e una certa quantità di cibo, per ogni evenienza. Gli alti dirigenti delle strutture pubbliche e industriali della città hanno deciso la lista dei dipendenti necessari che rimarranno a Pripyat per mantenere queste strutture in un buon ordine di funzionamento. Tutte le case saranno sorvegliate dalla polizia durante il periodo di evacuazione. Compagni, lasciando temporaneamente le vostre residenze vi preghiamo di assicurarvi di aver spento le luci, le apparecchiature elettriche e l’acqua e di chiudere le finestre. Vi preghiamo di mantenere la calma e l’ordine nel processo di questa evacuazione a breve termine.

Image

L‘evacuazione di Pripyat

Durante l’evacuazione, le donne e i bambini furono trasportati per primi, ma c’era una grave mancanza di autobus in questa parte dell’Unione Sovietica. Gli autobus dovevano quindi venire da altre parti del paese per evacuare tutti i 50 mila abitanti di Pripyat. La coda di autobus si snodava per 20 chilometri – il che significa che quando il primo autobus lasciava Pripyat, l’ultimo della fila non poteva nemmeno vedere le ciminiere della centrale di Chernobyl da quella distanza. In meno di tre ore la città fu svuotata, e da quel momento rimase vuota per sempre. Dopo l’evacuazione di Pripyat, fu condotta l’evacuazione di altri villaggi entro una distanza di 30 chilometri dal reattore, fino all’inizio di maggio dello stesso anno. I lavori di decontaminazione vennero eseguiti in 1.840 insediamenti. Tuttavia, la zona di alienazione di Chernobyl fu creata solo nel 1994, quando gli abitanti degli ultimi villaggi nella parte occidentale di essa furono trasferiti in nuovi appartamenti nelle regioni di Kyiv e Zhytomyr. Maggiori informazioni sull’evacuazione nel nostro BLOG. 

Image

Durante l’evacuazione, alla popolazione di Pripyat non fu permesso di portare con sé animali domestici o bestiame; questo per via del fatto che questi animali avrebbero potuto avere il loro pelo contaminato dalla polvere radioattiva. Inoltre, per evitare un’ulteriore contaminazione dell’ambiente, le forze speciali dovettero abbattere ogni animale nella zona di Chernobyl. Il 5 maggio, l’evacuazione delle persone che vivevano nella zona di esclusione di Chernobyl (30 km di raggio intorno a Chernobyl) fu terminata. 

La vita a Chernobyl oggi

Oggi è vietato entrare nella zona di Chernobyl, ad eccezione degli ex-residenti che visitano i cimiteri o di coloro che hanno un permesso, come i turisti e i lavoratori. Circa 100 persone (per lo più pensionate), chiamate le babushkas di Chernobyl, vivono ancora nella zona di alienazione di Chernobyl e sono in qualche modo accettate dall’amministrazione della zona di Chernobyl, dato che la maggior parte di loro ha partecipato ai lavori di liquidazione del disastro di Chernobyl. Durante il vostro tour di Chernobyl con ChernobylX potete andare a trovare le babushkas di Chernobyl e vedere come vivono e chiedere loro perché sono tornate. 

Oltre a questi abitanti, ci sono anche circa 3000 lavoratori che sono in un regime speciale e si prendono cura della zona di Chernobyl – guardie forestali, vigili del fuoco, lavoratori dosimetrici, cuochi e ora anche alcune guide turistiche di Chernobyl. Ci sono circa 2500 lavoratori che lavorano ancora alla centrale di Chernobyl, anche se è completamente chiusa dal 2000. Oltre a liquidare il combustibile nucleare, questi lavoratori assicurano che la sicurezza dalle radiazioni e l’approvvigionamento di elettricità dalla Bielorussia all’Ucraina e viceversa. Inoltre, circa duemila lavoratori hanno continuato la costruzione del nuovo sarcofago, che è stato completato nel 2018. Per maggiori informazioni sul nuovo confinamento sicuro andate sul nostro BLOG. 

Pripyat – La città fantasma

Pripyat è ora una città fantasma e, nonostante nessuno ci viva, ha un fascino e un’atmosfera assolutamente unici. Pripyat non è arrivata alla fine dei suoi giorni come è successo ad altri villaggi vicini, che sono stati rasi al suolo dai bulldozer. Dei cartelli sulla strada con i loro nomi e una mappa del villaggio sono l’unica cosa che oggi ricorda quei villaggi abbandonati e dimenticati. 

La polizia e l’esercito sorvegliano Pripyat, così come l’intera zona ristretta di 30 chilometri. Nonostante il servizio non-stop, non ha impedito furti e saccheggi, soprattutto nel 1991 dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, quando la zona di Chernobyl era meno protetta. Tutta la città di Pripyat è stata saccheggiata e non c’è un solo appartamento che non sia stato visitato dai ladri, che hanno trafugato tutti gli oggetti preziosi che potevano trovare. Gli abitanti di Pripyat nel 1987 ottennero la possibilità di tornare in città per recuperare alcuni dei loro averi, di nuovo solo pochi sacchi di merce, ma solo una piccola percentuale degli aventi diritto lo fece. Una fabbrica militare (chiamata Jupiter) è rimasta in funzione nella città fino al 1997; la famosa piscina Lazurny è rimasta in funzione fino al 1998 per i lavoratori della zona di Chernobyl, ma inutile dire che è stata  saccheggiata e distrutta, così come lamaggior parte degli appartamenti o delle scuole della città. Una lavanderia per i lavoratori della centrale nucleare di Chernobyl era in funzione a Pripyat fino al 2018.

Ci sono ancora due zone della città che sono ancora in funzione: i garage per i camion e un pozzo sotterraneo con una stazione di pompaggio (che forniva l’acqua per la centrale di Chernobyl). La città fantasma è piena di scritte, cartelli, libri o immagini contemporanee sovietiche (cioè degli anni ’80), per lo più con Lenin e dei motivi comunisti. Le dichiarazioni e i ritratti di Lenin sono praticamente ovunque – nel Palazzo della Cultura, nell’hotel, nell’ospedale, nella stazione di polizia, così come nelle scuole e negli asili. Passeggiare per la città oggi è come fare un viaggio nel passato, l’unica differenza è che non c’è una sola anima viva in giro, e non si ode nemmeno il canto degli uccelli. 

Image

Grazie alle fotografie storiche e ai video che vi accompagneranno nel vostro tour di Chernobyl, potrete immaginare l’intero quadro della gloriosa era sovietica quando la città di Pripyat era in piena espansione. I nostri eroi di Chernobyl saranno ben lieti di farvi dare una sbirciata all’interno delle case, tra le rovine, ma soprattutto nel passato degli abitanti di Pripyat, e avrete la possibilità di chiedere qualsiasi cosa vi incuriosisca. Per darvi una sensazione ancora più vivida dei tempi dell’Unione Sovietica, all’interno dei nostri tour di Chernobyl offriamo anche uniformi sovietiche o un giro in auto retrò.

Quando venite a Chernobyl sarete testimoni di due estremi – il peggiore scenario, quello dell’umanità che si autodistrugge in una guerra nucleare, e allo stesso tempo il migliore scenario, dove la natura prospera rigogliosa in un mondo costruito e abbandonato dall’uomo. Alcuni di questi edifici sono ricoperti di alberi e sono a malapena visibili dalla strada. Alcuni degli immobili sono crollati a causa del deterioramento e di una grande quantità di neve caduta qualche anno fa. Tra circa 20 anni rimarranno solo rovine di questa città. Non troverete mai un altro posto simile al mondo.

Qual è il futuro di Chernobyl?

La zona di alienazione di Chernobyl è sinonimo di tragedia e ci ricorderà per sempre il più grande incidente nucleare al mondo. Ora, dopo oltre 35 anni, sta diventando un luogo di speranza. È l’unico posto al mondo dove si può vedere come Madre Natura si sia riappropriata dei suoi spazi, da quello che fu creato dall‘uomo. Questo è uno dei motivi per cui la zona di 30 chilometri è diventata una riserva naturale nel 2016. A Chernobyl si possono trovare molti animali selvatici, non comunemente visti altrove in Europa, che vivono insieme; lupi, cervi, cinghiali, tartarughe, castori e cavalli selvatici. Non sono state trovate mutazioni in questi animali; al contrario, hanno un ottimo tasso di natalità. 

Voi, i turisti, permettete alla zona di Chernobyl di rivivere, specialmente la città di Pripyat. Essendo l‘attrazione turistica n.1 in Ucraina, la zona di alienazione di Chernobyl è la destinazione UrbEx più visitata del pianeta Terra con oltre 100.000 (2019) turisti a Chernobyl in visita ogni anno, anche dopo il calo durante la pandemia 2020 (solo 36 mila turisti Chernobyl). Il turismo aChernobyl ha un impatto significativo sull’economia locale: le nostre adorabili guide di Chernobyl, le babushkas di Chernobyl, ogni cuoco di Chernobyl o le donne delle pulizie dell’hotel di Chernobyl sono pronte a confermarvelo. Non aspettatevi un hotel di lusso e negozi di souvenir, Chernobyl è una zona militare sorvegliata con le proprie regole e condizioni. 

Oltre al turismo, l’energia gioca ancora il ruolo più significativo nella zona di Chernobyl, anche dopo che la centrale di Chernobyl non produce più elettricità. La centrale di Chernobyl oggi è un centro di distribuzione dell’elettricità tra l’Ucraina e la Bielorussia. Inoltre, gli investitori cinesi progettano di costruire una delle più grandi centrali solari nel territorio della zona di Chernobyl per via dell’infrastruttura della linea elettrica. La zona di Chernobyl è anche il più recente deposito di combustibile nucleare esaurito d’Europa disponibile per l’Ucraina, forse (in un secondo momento) anche per tutta l’Europa. Ad oggi, il nuovo confinamento sicuro di Chernobyl (il nuovo sarcofago) ci darà altri 100 anni di sicurezza, e per l’Ucraina insieme all’Unione Europea è giunto il momento di trovare il modo di smantellare e pulire, non solo il vecchio sarcofago, ma anche tutto ciò che è rimasto dal reattore numero 4. L’Ucraina vuole mantenere il patrimonio di Chernobyl come sito turistico per tutto il mondo e noi di ChernobylX crediamo che Chernobyl faccia parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO. La zona di Chernobyl e Pripyat si stanno trasformando in un museo a cielo aperto dei tempi della guerra fredda. ChernobylX ha iniziato la sua missione nel 2008 per sfidare e ampliare la vostra visione del mondo – ecco la nostra storia . 

Quando verrete a scrivere la vostra storia di Chernobyl?

Se state aspettando un segno,
è arrivato!

You are using an outdated browser. You can update it on this page.